larger smaller reset
Ora vi trovate in: Home > Comunicati Stampa > Comunicati stampa anno 2011 > C.S.: Arcevia, Commemorazione - intervento del Sindaco.
C.S.: Arcevia, Commemorazione - intervento del Sindaco. PDF Stampa E-mail
Scritto da Sindaco Bomprezzi   

Foto: Commemorazione eccidio monte S. Angelo presso il monumento dedicato al Partigiano15 maggio 2011 - 67ª Commemorazione dell'Eccidio di Monte S.Angelo: intervento del sindaco Bomprezzi.

Voglio porgere un saluto caloroso ed affettuoso a tutti i presenti che oggi sono qui a commemorare l'Eccidio del Monte s. Angelo, 67 anni dopo... autorità militari, civili e religiose, un saluto particolare al sindaco di Ribniza Joze Levstek, semplici cittadini che sono qui per ricordare e per testimoniare i valori dell'antifascismo e della democrazia figli della Resistenza e della lotta di Liberazione. E permettetemi prima di iniziare il mio discorso di ricordare con grande emozione, ad un anno dalla scomparsa, una persona sempre presente alla nostra Commemorazione, Renato Bastianelli, partigiano, uno dei simboli dell'antifascismo marchigiano, che aveva profondi legami con Arcevia.

E' un anno speciale per noi italiani: la Commemorazione dell'Eccidio di Monte S.Angelo si inserisce nelle celebrazioni del 150esimo dell'Unità d'Italia. Non sfugga il legame profondo che lega il Risorgimento Italiano con la lotta di Liberazione e l'unità d'Italia con la nascita della Repubblica: possiamo dire che la nascita della Repubblica italiana nel 1946 è il compimento di quel processo democratico che inizia nel 1861 con la proclamazione del Regno d'Italia.

E' fondamentale recuperare quel rapporto stretto che c'è tra Risorgimento/Unità d'Italia e Resistenza/Repubblica/Costituzione...per troppo tempo gli italiani hanno misconosciuto il Risorgimento e hanno lasciato i valori della Patria e la difesa dei suoi simboli ad alcune frange politicizzate. Purtroppo lo hanno fatto anche alcuni che difendevano i valori della Resistenza e dell'Antifascismo...oggi, grazie anche all'impegno di alcuni presidenti della Repubblica ci sentiamo più italiani e più sensibili ai simboli della nostra nazione come la bandiera e l'Inno di Mameli...e ci sentiamo molto legati a chi rappresenta istituzionalmente l’unità della nostra nazione, il presidente della Repubblica…e permettetemi di ringraziarlo Giorgio Napolitano, lo dico da uomo delle istituzioni, sia per il riconoscimento che ogni anno dona alla nostra città, dimostrando sensibilità ai temi della Resistenza, sia perché è diventato un punto di riferimento imprescindibile, in un clima deleterio di scontro istituzionale, e rimane il primo garante e custode della Costituzione italiana.

Quest'anno le celebrazioni dei 150 anni sono state toccanti ed emozionanti da Nord a Sud, con una grande partecipazione popolare che ha sorpreso molti e che ha dato fastidio ad alcuni. Alla faccia di chi vuol dividere e lacerare, il sentimento di gran parte degli Italiani è profondamente unitario e patriottico. Questo non toglie che bisogna rimanere vigili, lavorare giornalmente per il rafforzamento del sentimento nazionale, che viene messo in discussione dai fomentatori d'odio, dai secessionisti egoisti promotori di paura. Noi sappiamo che le diversità storiche e culturali di ogni regione hanno un valore solo se ricomprese nel grande alveo dell'identità nazionale...tutti noi dobbiamo sentirci figli di un'unica patria.

Gridiamolo con forza: difendere i valori del Risorgimento e dell'Unità d'Italia significa difendere i valori della Repubblica italiana della Costituzione e quindi della Resistenza. E non è un caso che chi ha lottato per la nostra libertà, patrioti e partigiani, fosse giovanissimo e dedito al sacrificio, altruista e generoso, come solo le nuove generazioni possono esserlo.

L'anno scorso abbiamo iniziato un percorso lungo e complesso che servirà a rinnovare e rilanciare la Commemorazione del 4 maggio, che deve diventare oggi più di ieri un appuntamento fondamentale nella Regione Marche. In questo percorso ci sta dando una grossa mano l’Anpi di Arcevia, molto attiva e presente, e approfitto per ringraziare il presidente riconfermato Angelo Verdini.

Già quest'anno i primi germi si cominciano a vedere. I ragazzi di ogni ordine e grado hanno dato un contributo originale all’Anniversario: i lavori presentati ieri sul valore della fratellanza e sull'unità d'Italia, veramente belli e coinvolgenti e la partecipazione inusuale dei ragazzi dell'Ipsia oggi con i loro apetti carichi di storia, va nella giusta direzione di innovare i linguaggi e i contenuti. E naturalmente non dimentico il ruolo del consiglio comunale dei ragazzi qui rappresentati dal sindaco Federica Moranti.

La mostra fotografica di Giorgio Pegoli inaugurata ieri a Castiglioni dal titolo “Bambini nelle guerre dei grandi”, che da un lato allarga l’evento al territorio comunale e dall’altro amplia i contenuti della commemorazione, toccando il tema dell’ingiustizia della guerra e delle vittime principali dei conflitti, i bambini. Invito tutti a visitarla e approfitto per ringraziare la comunità di Castiglioni sempre molto attiva.

La scelta dell’oratore ufficiale, l’eminente storico del ‘900 Francesco Maria Feltri, per dare un taglio più scientifico e storico alla manifestazione.

E infine stiamo rafforzando il rapporto con l'Istituto Cervi di Gattatico di Reggio Emilia, per dare un respiro nazionale e un profilo più alto alle nostre iniziative. Ecco perché abbiamo aderito con entusiasmo al progetto “Memorie in cammino”, un vero e proprio portale della memoria, che entro l'anno sarà attivo su Internet. Un percorso che raccoglierà materiali scritti, audio e video che va dal fascismo, alla seconda guerra mondiale, fino alla Resistenza e alla Liberazione.
Ci sarà anche Arcevia, con il sacrario del monte S. Angelo, con le interviste ai testimoni di quelle vicende, per non dimenticare e permettere alle nuove generazioni di conoscere la realtà storica. E ce n'è veramente bisogno in questi tempi in cui abbondano i negazionisti, i mistificatori, i sedicenti storici.
Va detto però che dobbiamo fare di più per recuperare alla memoria la storia degli eventi della Resistenza e della lotta di liberazione in Arcevia, e non dobbiamo aver paura di farlo, prima di tutto per rendere un vero omaggio ai martiri e alle loro famiglie e a tutta la comunità. Ben vengano ricerche nei nostri archivi di giovani studiosi, che noi insieme all'Anpi stiamo promuovendo in tutte le sedi opportune, anche per chiarire alcuni episodi oscuri della nostra storia.

Ma la memoria si mantiene viva principalmente se i luoghi teatro delle tragiche vicende della seconda guerra mondiale vengono conservati adeguatamente e siano intellegibili e comprensibili. L'anno scorso feci un appello per il Monumento del monte s. Angelo, che ha bisogno urgente di un restauro conservativo e di una valorizzazione semplice ma necessaria...e la provincia di Ancona ha risposto sì, stanziando dei fondi, e ringrazio la presidente Casagrande per la sensibilità dimostrata. A breve avremo il progetto pronto che ha l'obiettivo di far diventare il sacrario, non solo un luogo del ricordo ma anche un luogo della storia, un luogo didattico, comprensibile anche alle nuove generazioni, un luogo vivo.

Vi lascio con alcuni bellissimi versi dedicati alle vittime del monte s. Angelo, che ho voluto fossero trascritti sul depliant dell’Anniversario, versi tratti da una splendida canzone della Gang “4 maggio 1944 – In memoria”, un omaggio sincero a chi ha perso la vita per la libertà di tutti.

Era l'alba del 4 di Maggio
per sempre ne avremo memoria
perché è l'alba di un giorno
che fa nostra la storia.
Perché mai più ritorni
l'inferno qui sulla terra
l'inferno quello dei vivi
l'inferno che si chiama guerra

Arcevia, 19.05.2011

 

COOKIE

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196.
Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.
Se si prosegue con la navigazione del sito, si acconsente all’uso dei cookie.

[ informativa ]

CONTATTA il COMUNE

DOVE SIAMO

L'italia e in rosso le Marche

MANIFESTAZIONI

RACCOLTA RIFIUTI

ECOSPORTELLO

ISOLA ECOLOGICA

ATA rifiuti

.....................................

Informazioni
Centro Ambiente
Alligatore

ACQUA POTABILE

Multiservizi

PHOTO GALLERY

Photo Gallery

SEGUICI SU

Seguici su YOUTUBE . Seguici su FACEBOOK

CERCA CON GOOGLE

Ricerca con Google